Wela sul Gazzettino 2

Wela sul Gazzettino 2

08.08.10

INTERVENTO DEL NOSTRO PRESIDENTE sul Gazzettino di Venezia …

“Occorre piu’ prudenza in spiaggia, soprattutto prima di fare il bagno in mare.” E’ l’appello che arriva dagli assistenti bagnanti che operano nella spiaggia di Cavallino-Treporti. Un invito che evidentemente non e’ lanciato a caso, ma giusto in prossimita’ della settimana di ferragosto che fara’ registrate il “tutto esaurito” in tutto il litorale. E anche per questo il livello di guardia in spiaggia sara’ ancora piu’ alto, tanto piu’ che a oggi non sono nemmeno mancati casi di annegato: quattro i decessi, anche con la complicita’ del caldo torrido, registrati tra spiaggia e piscine e tra i quali spicca, purtroppo, quello di un bambino di 5 anni. Per contro, va sottolineata una lunga scia di vite salvate grazie alla tempestivita’ di intervento di bagnini, croce verde locale e personale sanitario. “Le statistiche ci dicono che in Italia ogni anno si registrano tra i 400 ed i 500 annegamenti – dice William Dalla Francesca Damiani, titolare della societ√† Wela che opera anche nel litorale nord, – cifre che assieme ai casi registrati a Cavallino, devono ricordare agli assistenti bagnanti il loro delicato compito di ‘sentinelle’ e devono essere da monito ai bagnanti magari meno esperti nelle tecniche natatorie”. Tra le cause principali di annegamenti, compresi quelli registrati nel litorale nord, ci sono congestioni e le avverse condizioni del mare. “Per questo non smetteremo mai di consigliere di attendere almeno tre ore dopo un pasto prima di immergersi in acqua – continua il responsabile della societa’ – di non soppravalutare le proprie capacita’ natatorie, di rispettare le indicazioni dei bagnini compresa quindi la bandiera rossa e infine di entrare in acqua nei tratti di mare sorvegliati dai bagnini”. Tra i consigli anche quello di informarsi con gli assistenti bagnanti sulle caratteristiche del mare: “In particolare se e’ la prima volta che si va in una determinata localita’ – conclude William Dalla Francesca Damiani – e’ sempre meglio informasi visto che l’ambiente acquatico puo’ diventare ostile senza preavviso”.

Giuseppe Babbo